domenica 21 agosto 2016

Senza potersene accorgere


L’inferno inizialmente dà, a tutte le anime che ospita, l’impressione di essere gli unici ospiti a dover scontare i peccati dell’intera umanità, per questo è chiamato inferno.

— Me vi rendete conto?— disse l’ultima arrivata a un interlocutore invisibile

— Non riuscirete a imbrogliarmi, è la logica che me lo assicura, ed è la stessa logica che consente agli inferi di esserci
— 
— È evidente come non sia possibile infierire con una pena eterna su degli esseri che hanno sbagliato solo in un’esistenza limitata nel tempo—

Un voce, tagliente come una lama, tanto affilata quanto incapace di brillare, le rispose

— Qui non sono comminate pene, sono le stesse anime a infliggersele, per il tempo che credono sia loro necessario
— — E la prima delle pene è data dal desiderare nonostante non si disponga più di un corpo che possa soddisfare quei desideri—

L’anima entrata per ultima nelle spire delle ripercussioni esistenziali si guardò addosso, accorgendosi che il corpo che stava vedendo era solo un riflesso della sua immaginazione, come era stato quando essa era in vita, ma senza alcuna possibilità di potersene accorgere.

domenica 14 agosto 2016

Il Cielo non sembrò accorgersene

Ogni armonia deve vincere le proprie disarmonie, così un piccola cellula tumorale si sentiva a disagio in tutto quel concerto di buone intenzioni, suonato dalle altre cellule, per tenere in vita uno stronzo che odiava il mondo e l'amore.
La piccola cellula se ne era accorta e cercava di spezzare quell'equilibrio che lo sguardo di quell'essere diceva fosse ridicolo.
Dalla sua quell'uomo sapeva far ridere gli stupidi che facevano ridere, a loro volta, senza saperlo, e la sua fama divenne così forte da consentirgli di fondare un movimento politico sostenuto da stronzi convinti che la sopraffazione dei più deboli, ordita attraverso l'imbroglio... fosse una legge fascista universale. Essendo stupidi si associavano tra loro, nella convinzione che la forza non avesse bisogno dell'intelligenza, come se le quantità potesse fare a meno della qualità. Ridere degli altri sarebbe stata un'ottimo collante, la carta moschicida che compete con la merda fingendo di essere del luccicante cibo domestico.
La piccola cellula neoplastica sapeva di doversi organizzare in un movimento, allo stesso modo dello stronzo che voleva uccidere, ma lei non faceva ridere e col pianto sono in pochi a farsi fottere e quei pochi, in genere, si dedicano al credo religioso per ammazzare qualcuno, senza bisogno dell'impegno personale.
La piccola cellula decise così di affidarsi allo stesso Cielo che le consentiva di essere viva, e si moltiplicò entrando in lotta con la vita che moltiplicava gli stronzi.

Il risultato fu che nel mondo il cancro trovò la sua ragione d'essere attraverso le cattive inclinazioni di chi amava uccidere altri esseri affamandoli. Cinque stelle si spensero mischiandosi al buio della notte, ma il Cielo non sembrò accorgersene...

martedì 9 agosto 2016

Preferisce gli umili...

Aveva una natura contemplativa e spirituale, lo si poteva definire uno pneumatico, e aveva vissuto nel perenne rigore di chi sa, senza ombra di dubbio, che la legge di ripercussione non lascia scampo a chi sbaglia. Per questo mai una sola volta si era lasciato scappare un bestemmia rivolta al Cielo e ora, che era un vecchio che stava per raccoglierne il frutto lo stesso Cielo gli aveva destinato una strega di infermiera che lo pungeva da tutte le parti, spingendolo a bestemmiare il destino infame che, gli sembrava, non desse valore a tutte le volte che quel vecchio si era comportato bene mandando affanc... rigettando le tentazioni del demonio. Il Cielo non poteva fargli questo, consentendo al maligno di provocarlo fisicamente in quel subdolo modo.
La strega arrivò come al solito con la sua aria decisa che non lasciava scampo al rifiuto:— Si giri, svelto, che devo controllarle la prostata— disse lei, infilandosi un guanto in lattice che sarebbe rimasto bianco per poco
— E faccia il bravo, rilassi i glutei— La donna era grassa, e con il dito medio, quello che si sarebbe fatto carico dell'esame, esageratamente sovrappeso forse per intervento del diavolo, e il vecchio non lo vide, perché era in posizione supina, ma lo sentì penetrare in lui come fosse lava guidata dagli inferi e un bestemmia gli uscì sommessa, che il Cielo sentì, e tutta la sua misericordia parve non bastare al perdono, forse perché il vecchio, nel suo aver puntato i piedi tutta la vita per non farsi travolgere dal desiderio di peccare, era orgoglioso per esserci riuscito, e il Cielo non ama gli orgogliosi, preferisce gli umili.


giovedì 28 luglio 2016

Uno striminzito matrimonio quartoggiarese

Vivevano insieme da venticinque anni, non avevano nessuna necessità di sposarsi, ma c'era da sistemare il piano terra della stalla che Rosanna aveva deciso di trasformare in una abitazione.
A Massimo l'idea ricordava l'attraversamento del mare Rosso sangue aperto in due da Mosè, e lui si sentiva nella stessa situazione dell'esercito egiziano inoltratosi tra i flutti che lo annegarono.
— Mi danno quindici giorni di ferie pagate se ci sposiamo— gli disse lei, con l'aria candida di chi sa che fare il muratore è lavoro da uomini
— Okkey— rispose lui, sperando di ammalarsi nel frattempo.
Intanto il destino che aleggiava disegnando cerchi concentrici sempre più stretti sopra le loro teste stringeva le sue volute evitando di provare pietà.
Decisero di non invitare nessuno tranne i testimoni: la mamma di Rosanna e i genitori di Massimo.
Lo zio di Massimo, un operaio comunista, decise di presentarsi anche se non invitato per accertarsi che i due sposi non fossero uniti in nozze dal sindaco fascista Decorato - si chiamava in quel modo per mostrare che la vita sa essere anche sarcastica.
Il mattino dell'evento nessuno era agitato: nessun rinfresco niente invitati e zero regali si erano accordati per far trascorrere a tutti una giornata quasi uguale alle altre.
Arrivati al Comune di Milano in metrò si diressero verso un cancello che proteggeva un portone in legno scuro, quando un guardiano tenendo la mano alzata avvisò che l'entrata per la richiesta di cittadinanza era dall'altro lato del palazzo. Rosanna era bionda come sua madre, ed entrambe avevano l'aria di essere rifugiate dell'Est europeo o della Madre Russia, mentre i genitori di Massimo ricordavano la dignità di chi non avrebbe voluto trovarsi lì.
La sera prima Rosanna e Massimo avevano cercato tra gli argenti acquistati in India due anelli, ma erano tutti piccoli così ne tagliarono due lasciandoli neri di ossido nella convinzione che a nessuno sarebbe passato per la mente di guardarli.
Fu il primo errore, che raggelò gli animi degli addetti alla funzione civile che la mancanza di civiltà aveva voluto sovrapporre a quella religiosa.
Una donna alta e riccia vestita come una cameriera di un ristorante di lusso fece cenno a Rosanna e Massimo di posare gli anelli sul candore bianco di un piccolo cuscino bordato di pizzo.
I due anelli anneriti e rotti furono messi lì in uno stato d'animo da esecuzione capitale, sotto gli occhi increduli della cameriera di lusso che si rifiutarono di battere le ciglia così da consentire al sangue di invadere le cornee di un rosso demoniaco.

L’assessore che li sposò era un amico dello zio comunista col quale Massimo non era mai andato d’accordo da quando aveva lavorato all’Alfa Romeo come impiegato e disegnatore, perché Massimo, nei cortei interni alla fabbrica, tendeva a spintonare malamente i crumiri, cosa che gli costò undici lettere di ammonimento con minacce di licenziamento in un anno e mezzo passato in quella ditta di stronzi, tutti amici di suo padre più stronzo di loro.
In un’atmosfera che ricordava quella dei film di serie B la cerimonia iniziò col piede sbagliato che l’assessore mosse per primo…

— Vuoi tu, qui presente, Massimo Vaj, prendere in moglie la qui presente Rosanna Fioratto?— di Massimo si poteva dire di tutto, ma non che fosse presente

Il Vaj, con l’aria di chi a un processo si sente comminare l’ergastolo, finse di non capire, ma l’assessore insistette ancora per rispetto dello zio comunista col quale aveva in mente di cambiare il mondo in peggio

— La vuoi sposare o no?— Massimo accompagnò con un sì un movimento del capo che pareva essere un no.
Non contento l’assessore affrontò Rosanna, che scalpitava dalla voglia di menare le mani…
— Vuoi tu, qui presente, Rosanna Fioratto, prendere come marito Massimo Vaj?— l’assessore tralasciò di dire “il qui presente” per non incorrere nel reato di calunnia

La Fioratto disse in fretta di sì, non tanto perché lo volesse, ma perché aveva fame e si era parlato di farci un aperitivo con un pacchetto di patatine al bar che c’era lì fuori.

Sia Massimo che Rosanna evitarono di memorizzare la pappardella dei successivi doveri post matrimoniali, perché era cosa che entrambi davano per scontata da che avevano deciso di invecchiare insieme: loro due si sarebbero sostenuti a vicenda perché erano amici prima di essere amanti.

La cameriera di lusso, allampanata e rigida forse per lo spessore esagerato del trucco, porse loro gli anelli neri e rotti allungando il candido cuscino come se sorreggesse una pozione velenosa, e i due novelli sposi dovettero stringere forte i denti dal dolore per infilarseli, sapendo che se li sarebbero tolti appena varcata la porta d’uscita che, sembrò strano a entrambi, non aveva il maniglione antipanico.

Usciti dal Comune tutti si infilarono esausti nel bar sull’altro lato della strada, e i genitori di Massimo insistettero per pagare l’aperitivo, facendolo col sorriso di chi era contento di essersi messo in pari col matrimonio lussuoso pagato alla sorella di Massimo, che era andato in pezzi poco tempo dopo, come secondo loro avrebbe dovuto accadere pure a quello di Massimo e Rosanna, per un senso della giustizia che i genitori di Massimo avevano sviluppato nello stesso modo in cui i camaleonti cambiano colore secondo le deprecabili circostanze.




mercoledì 27 luglio 2016

Affrontare il domani

Impugnò la stilografica e la puntò sul foglio, attendendo l'ispirazione. Faceva sempre così quando non aveva idee convincenti.
Il pennino, però, era a sua volta bloccato dall'inchiostro che non scorreva, seccato dall'essere stato caricato della responsabilità data dal dover divulgare mezze verità per le quali non si sentiva responsabile.
D'altro canto neppure il foglio ne voleva sapere di essere gettato nel mezzo di quella rissa esistenziale; si stava così bene senza le inevitabili macchie che tempestavano lo scorrere della vita.
Sotto a quell'attesa il tavolo pareva gioire di quel momento inconcludente. Finalmente era lui a sostenere l'attesa del tempo, che si era fermato nel dubbio che attende certezze perennemente in ritardo. 
— Ma ciò che è vuoto è destinato a riempirsi— pensò il foglio, incoraggiando l'inchiostro a inumidirsi del pianto di chi sa che mai un rifiuto può durare per sempre.
Il pennino sentì fluire in sé la nuova vita, e la penna fu felice di dare alla mano la possibilità di esprimere l'intuire di un organismo complesso, lo stesso che fece un veloce scarabocchio sul foglio in attesa, contento che la penna stilografica avesse ripreso a funzionare.

C'era ancora tempo per riempire il foglio di stupidaggini, pensò l'organismo umano, e all'oggi avrebbe dedicato solo la soddisfazione che dà il sapere di essere pronti per affrontare un domani altrettanto incerto.

venerdì 22 luglio 2016

Aquiloni senza il filo

Il legame con la famiglia di nascita è forte, ma è poca cosa nei confronti del legame creato dalla condivisione degli stessi princìpi in assenza dei quali il legame famigliare è relegato al piano emotivo, ma non intellettivo.
Il "Vai dove ti porta il cuore" qui mostra tutti i suoi gravi limiti.
Io mi sforzo di dare la direzione alla mia vita che è consigliata dall'intelligenza che dà la mano al sentimento e alla volontà, perché senza questa armonia si vive come aquiloni senza il filo.

giovedì 21 luglio 2016

Dove l'intelligenza dovrà faticare

È una buona cosa che l'essere umano cerchi di capire la ragione per la quale si esista, perché tutto ha le sue ragioni d'essere. 

Anche l'accontentarsi di dare la colpa o il merito al caso, scambiandolo per una legge, ha la sua funzione nonostante dal caso non possano arrivare risposte, perché questo non aver risposte indurrà chi crede al caso a convincersi che sia il "caso" di guardare oltre, dove l'intelligenza dovrà faticare.